A fine gennaio siamo stati a Parigi per visitare la prima delle due edizioni annuali di Maison & Objet, il salone internazionale di arredo design, tessili, accessori e arte della tavola che detta le tendenze del mercato globale.
Numeri come 3.000 espositori provenienti da tutto il mondo, 130.000 m² di stand e 85.000 visitatori raccontano da soli l’importanza di questo appuntamento per gli esperti del settore: un palcoscenico dell’arte di vivere che facilita l’incontro tra il business e la creatività, incoraggiando l’ispirazione e agevolando il mercato dei nuovi prodotti.

Siamo partiti alla volta della capitale francese con lo stesso spirito che una volta lì abbiamo incontrato ovunque, anche nell’angolo più nascosto di ogni singola esposizione: aggiornare le nostre conoscenze in tema di evoluzione del gusto per continuare a soddisfare qualsiasi cliente.

In un mare magnum di meravigliose proposte tra lusso e semplicità ricercata, tradizione aggiornata e avanguardia, e una strizzata d’occhio anche al food, protagonista dell’anno all’Expo di Milano, la parola d’ordine è stata lasciarci sedurre.

Siamo rimasti affascinati da tutto, ma soprattutto dalla spiccata tendenza all’uso dei materiali naturali, dal legno al lino, dal vetro alla canapa, e dalle loro molteplici rivisitazioni e fusioni, dalle più elaborate a quelle quasi primitive: valorizzare la bellezza del nostro pianeta per proteggere la sua.

Mobili da giardino oltre il minimalismo, cuscini lavorati artigianalmente dal piglio innovativo, accessori trasversali che saranno utilissimi nei nostri buffet quotidiani. E tanti colori, vividi come l’estate che sta per arrivare. Calore e freschezza insieme.

È stato un weekend di nuovi stimoli, in una bellissima Parigi d’inverno, crocevia di idee e savoir-faire a confronto.
Non vediamo l’ora di allestire i vostri eventi per condividere tutto questo anche con voi.