Se Franco in cucina in queste settimane non si fa scappare un solo asparago e, innamorato pazzo, ne porta fuori a cena vestiti da forno, da vapore, da risotto o da contorno, noi da parte nostra lo assecondiamo e con il verde quasi sempre ve li presentiamo.

Ne accompagniamo mazzi… ad altrettanti mazzi di grasse fioriture a centrotavola, li porgiamo su prati deliziosamente verdi dopo intere settimane di pioggia, li facciamo flirtare con tovagliati di erba cucita e, se capita, li facciamo addirittura recapitare da camerieri da sguardi a tinta unita.

Trasparenze di bicchieri smeraldo, albumi e tenere punte.
Creme perfettamente amalgamate, casereccio pane e nastro sfumato pino.
…Oppure dopo semplice e breve bollitura e con quadrifoglio a bordo piatto: che la stagione sia fortunata e la primavera finalmente arrivata.