L’inverno avanza, e insieme a lui aumenta il piacere di riappropriarsi delle ore da trascorrere in casa, le stesse che la bella stagione invitava di più a trascorrere all’aria aperta.

Le richieste di occuparci delle vostre cene tra amici, attorno al tavolo del soggiorno, o di cocktail più snelli da organizzare tra divano e caminetto riprendono a stimolare la nostra fantasia.

Le case, le vostre case, tra le location in cui quotidianamente ci troviamo ad operare, sono quelle in cui preferiamo lavorare perché uniche e per chi ci vive soltanto. Se per voi significa vivere un ricevimento speciale allestito nel vostro spazio abituale, per noi vuol dire inoltrarci in un ambiente nuovo, da scoprire, respirare, rispettare, capire a senso unico per riuscire a interpretare ed esaltare.

Organizzare banchetti nelle abitazioni private è una sfida che, prima di tutto, deve vincere la scommessa di rappresentare chi ci abita attraverso MaggiorDomus: non una villa, un palazzo storico aperto al pubblico o altri ambienti speciali alla portata di tutti, ma uno spazio privato, intimo e fortemente connotato.

Le immagini di oggi sono tratte da due serate così, pensate, godute e vissute tra pesce freschissimo, argenteria scelta, tovagliati adatti a un arredamento, cucine dal sapore quotidiano e chi ci vive da fare accomodare, sorridente e con un calice di vino ghiacciato in mano.