Con matelassé si è soliti indicare un tessuto doppio, normalmente di lana o raso, tradotto nel linguaggio comune con il termine “trapuntato”, e usato soprattutto per le coperte. Spesso l’effetto matelassé viene ricondotto erroneamente all’idea di “imbottito” ma non lo è affatto, perché il pattern quadrettato a rombi, creato dalle impunture, nasce solo dalla cucitura, che ne è per l’appunto la caratteristica principale.

Una torta nuziale effetto matelassé (gâteau effet matelassé, se vogliamo essere precisi) è una di quelle idee che danno la pennellata di stile finale al quadro di un matrimonio d’inverno. È un tocco di eleganza in più, un richiamo d’amicizia alla stagione fredda, un invito al calore, al morbido, al delicato che invoglia ad affondare il coltello per festeggiare e brindare con i calici alzati.

Difficile non associare l’effetto matelassé all’iconica borsa Chanel 2.55 che, con la sua impuntatura romboidale, ha reso celebre questo gioco di tessuto.
Le immagini di oggi evocano proprio questo, un omaggio alla raffinatezza che parte dal piano di lavoro di cucina e dalla tecnica artigianale del nostro pasticciere: la creazione di una torta nuziale a effetto matelassé per uno dei primi ricevimenti di nozze (quasi) invernali della stagione, oltre a qualche esempio di altre realizzazioni a tema.

Sposarsi d’inverno non è mai stato così chic.