Il primo traguardo da porsi quando di mestiere si organizzano matrimoni è organizzare matrimoni che riescano. Sempre. Questo per noi del banqueting MaggiorDomus significa prima di tutto partire da zero in ogni occasione, con l’esperienza dei veterani nella mente e l’entusiasmo dei principianti nel cuore, chiudere fuori lo standard e creare dal nulla come se ogni evento fosse il primo.

Le foto di oggi sono quelle di Alessia e Andrea. Il menu del loro giorno è stato costruito piano piano solo per loro, le composizioni floreali valorizzate con il fucsia e il verde secondo le combinazioni di assemblaggio che meglio li rappresentava e non c’è un singolo dettaglio che queste immagini riportano che non sia stato suggerito da quello che loro – insieme – sono, e niente più.

Organizzare matrimoni significa capire il gusto, lo stile, il bisogno e l’aspettativa, significa ascoltare bene, pensare bene, cucinare bene e realizzare meglio.

Significa amare le persone che hai davanti più di quanto ami il tuo lavoro.

L’aspetto dominante di Alessia e Andrea da valorizzare?
L’eleganza leggiadra dal carattere deciso, quella che ti giri a guardare perché non si muove ma fluttua, che sta bene con i colori forti purché mescolati alla purezza del bianco che sa come non disperderli ma smorzarli per garbo. Piccoli richiami continui e riservati, disarmanti come il sorriso gentile di Alessia e gli occhi profondi di Andrea.

Un’eleganza educata che si è intonata a una location dallo splendore equilibrato come il Castello di Duino, alla tenacia delicata delle orchidee, a tovaglie con trama inconsueta, alla calma del mare sotto e alla potenza del sole sopra.

ph. credit: Stefano Lunardi