Nel mondo della cucina si incontrano personalità alimentari che prima si avvicinano, poi si fondono e infine si esaltano meglio di altre, senza una spiegazione logica ma esclusivamente sulla base di un’attrazione, così come ce ne sono altre che invece si ripudiano ad oltranza per narcisismo ed arroganza e non certo perché non si piacciano abbastanza.

Il richiamo tra due elementi può nascere dal colore, simile o l’esatto opposto l’uno dell’altro, dalla spontaneità o dalla curiosità di nuovi sapori oppure dalla tradizione, che se poco innova, ogni giorno rinnova.

A dire il vero, anche nel mondo dell’Amore funziona così perché non è insolito riscontrare che il probabile si cacci spesso nell’improbabile o che, a sorpresa, lo scontato si esalti con un pizzico di riscatto.

Quest’anno il San Valentino di MaggiorDomus, il nostro San Valentino, osa credere nell’annoso e difficile Amore tra colori vicini ma molto diversi, che tra loro sanno ben flirtare ma da cui è difficile tirare fuori una storia da raccontare. Le sfumature del viola e quelle del rosso, che spesso passano per il rosa.

Sono le tinte di una parmigiana melanzane e pomodoro, del radicchio violaceo che si accosta alla rossa salsiccia, delle fragole deglutite assieme a un vino barricato, timbri che gli occhi non sono abituati ad abbinare ma dalla cui unione fuoriescono connubi dal carattere eccezionale.

Ci piace sfidare le divergenze e meravigliarvi con l’inconsueto, che sa funzionare se è trattato con rispetto estetico e stile non occasionale.

Buon San Valentino di apparenza in tegame con la sostanza.